rik's picture

Il Barbiere di Badfreier

Opere.
Opere che rimandano ad altre.
E' il fine di tutto il nostro chiamarci per nome, darci un nome: quando guardiamo il nostro essere "homo sapiens" allo specchio (elica destra, elica sinistra... sono proprio sempre corrispondenti?) riconosciamo il comunicare come necessario. Il noi stessi allo specchio è un "dietro" e un "dentro", sia un universo diverso dal nostro (speranze) sia un noi stessi più allargato: chi potrebbe volerci più bene di quanto noi facciamo (dietro le spalle la tenda la finestra il davanzale...)?

In particolare letture, autocritica, Poesia, critica, scritture, commenti.
Ite dunque:

~> Il Barbiere di Badfreier

rik's picture

Tutto il mondo esiste

Ci tenevo a farlo presente.

rik's picture

Seferis


...
Ora è tempo di dire le nostre poche sillabe
perché domani l'anima fa vela.
...

Gyorgyos Seferis, da "Giornale di bordo, II", 1941-42

rik's picture

Riparto da quello che ho detto mesi fa

Forse a me piacciono i proclami, i manifesti. Forse più che altro mi piacciono le regole autoimposte, ovvero mi piace accettare qualche regola. In musica ad esempio, e dovunque ci sia da giocare. Giocare senza regole non mi è mai piaciuto troppo, forse ho paura di rimanere fregato dal colpo di scena della eccessiva libertà: la trama si altera con troppa facilità, la modulazione piomba inaspettata.
Senza regole la libertà è anarchia. Ed è divertente...
MA PROVIAMO ANCHE QUESTO ALTRO GIUOCHO:

"All'interno di una mancanza di un piano formale, increspare la stasi e farne percepire le possibili sfumature. Una delicata e undivaga arpa eolia della forma."

Bene, una musica dei trovieri, una monodia (e non una melodia) accompagnata. Stasi increspata. Continuità. Ritmi anche armonici, ma ostinati, o di lenta variazione. Paesaggio contemplato, non sfrecciato.

Buh?

paolo's picture

Settecento

veder la pagina delle finezze
mi riporta al Settecento
ove i verdi son sfumati
gli stucchi bianchi, sbocconcellati
le classi sociale sporche o altere
e la carrozza scappa via, come motoscafo sul fango

paolo's picture

nuova Session

abbiamo cacato una nuova session, domenica (era domenica, no?) speriamo che la roba sia bbona...nel momento del cacaggio la prospettiva proprio non c'è, non si può sapere...

rik's picture

Volevo dire

()

Io avevo in mente di ricominciare, quest'anno, da un'idea musicale: la monodia della voce, su un tessuto di ripieno del pianoforte. Quindi non una melodia che si incastona nelle armonie, ma nell'ambito di un contesto modale con pochi riferimenti. E' una cosa che abbiamo fatto diverse volte, forse cercando di uscirne senza riuscire, o comunque senza una scelta precisa, quindi senza capirne...sostanzialmente nulla. Invece vi sta molta storia, quasi tutto il medioevo popolare, basso e alto....

paolo's picture

interesse silenzioso

()

qui leggo
nel silenzio del mio ufficio
vestito grande e fragile
che mi circonda

qui leggo le cose nuove create
ne parlo nella nostra lingua donangiolesca
nella nostra parlata lontana
nella nostra favella azzona
che ci dona
che ci dona

mi piace corciano due
mi piaccion le cose tue
l'ultima devo capirla
sono pirla
sono pirla

in dorate miniere lavoriamo
di cose inutili il dì ci occupiamo

topos topoi

noi a Corciano partecipiamo
ma poi vinciamo?
ce la facciamo?

le nostre donne
belle e costhose
danari e sete da noi vorrebbon
in mille feste ir piacerebbon
in discoteca le conoscemmo

rik's picture

Corciano nr. 2

()

Piccolissima cosa, quasi fungibile col niente. Però trattandosi di me potrebbe andarci, a Corciano in mia vece :D

Forse è anche azzonabile.

---

Sorti che gettano gli indovini
sono i fumi e le foglie morte
in questa battaglia che si arrossa
di fuochi, di divise.

-|-

Con le loro parole ci blandiscono,
a torto, ma ugualmente si potrà
essere liberi e privi di un senso
oppure viceversa.

-|-

La testa liscia come una tovaglia,
S. N. non ha mostrine questa sera,
vola, sulle spianate corrose, verso un
largo con sentimento.

28 Febbraio 2007 - V. Lamarque

Bene, dopo gli ozi novaresi, si ricomincia a lavorare!
Per il Duo, s'intende...